Verso l’uscita dell’aggiornamento iOS 16: più fluida la navigazione tra i siti

di Tania Ascari Commenta

Ci stiamo avvicinando a grandi passi verso l’uscita dell’aggiornamento iOS 16, tramite il quale potremo fare passi in avanti interessanti in diversi contesti di utilizzo dei nostri iPhone. Tra i plus che dovrebbero essere garantiti dal pacchetto software, ad esempio, avremo con ogni probabilità una più fluida la navigazione tra i siti. Queste, ad oggi, le indicazioni trapelate per il pubblico che si ritrova con un device compatibile.

iOS 16

Cosa sappiamo sull’uscita dell’aggiornamento iOS 16: focus sulla navigazione tra i siti

In particolare, toccare le immagini dei semafori o decifrare il testo ondulato per dimostrare che sei umano sarà presto un fastidio molto meno comune per gli utenti di iPhone, poiché iOS 16 introduce il supporto per bypassare i CAPTCHA nelle app e nei siti Web supportati.

La pratica nuova funzionalità può essere trovata nell’app Impostazioni in ID Apple > Password e sicurezza > Verifica automatica. Quando abilitato, Apple afferma che iCloud verificherà automaticamente e privatamente il tuo dispositivo e l’account ID Apple in background, eliminando la necessità che app e siti Web ti presentino una richiesta di verifica CAPTCHA.

Apple ha recentemente condiviso un video con dettagli tecnici su come funziona la funzione, ma in parole povere, il sistema di Apple verifica che il dispositivo e l’account ID Apple siano in regola e presenta quello che viene chiamato un token di accesso privato all’app o al sito web. Questo nuovo sistema offrirà una migliore esperienza utente per attività come l’accesso o la creazione di un account, con una migliore privacy e accessibilità degli utenti rispetto ai CAPTCHA.

“I token di accesso privato sono una potente alternativa che ti aiuta a identificare le richieste HTTP da dispositivi e persone legittimi senza compromettere la loro identità o informazioni personali”, ha affermato Apple, nella descrizione di un video del WWDC 2022 relativo all’argomento.

Cloudflare e Fastly hanno già annunciato il supporto per i token di accesso privato, il che significa che la possibilità di aggirare i CAPTCHA potrebbe arrivare a milioni di app e siti Web basati su tali piattaforme e la funzione verrà implementata in modo più ampio nel tempo.

Nelle prime versioni beta di iOS 16 e iPadOS 16, la verifica automatica è abilitata per impostazione predefinita. Apple ha affermato che la funzione è supportata anche su macOS Ventura. Tutti gli aggiornamenti software sono attualmente in versione beta e verranno rilasciati entro la fine dell’anno. Staremo a vedere quali altri sorprese sarà in grado di riservarci l’aggiornamento iOS 16 verso la sua uscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>